Il crauti hanno vitamina k?

I nomi per il crauti e la vitamina K sono entrambi originati dalla lingua tedesca. Il crauti significa “cavolo acido” e la vitamina K proveniva dalla parola tedesca “koagulazione” perché svolge un ruolo così importante nella coagulazione del sangue. La condivisione della stessa origine linguistica sembra opportuna perché il crauti è una fonte di vitamina K.

Crauti Basics

Il crauti è fatto con cavolo che è stato sottilmente tagliato e lasciato fermentare. L’acido lattico forma come zuccheri nel fermento del cavolo, dando al crauti il ​​suo sapore distintivo. Il crauti può essere fatto a casa per tagliare o sfogliare il cavolo, mettendolo in un contenitore di vetro o in un piatto di pietra e mescolando circa 3 cucchiai. Di sale in ogni 5 libbre di cavolo, secondo la North Dakota State University. Imballare saldamente il cavolo e la miscela di sale nel contenitore fino a che il sale non preleva succhi di frutta dal cavolo. Utilizzare una piastra in cima per pesare il cavolo e mantenerlo sotto la salamoia fluida. Coprire il contenitore e lasciarlo sedere a temperatura ambiente per tre o sei settimane.

Informazioni sulla vitamina K

Una delle sole quattro vitamine liposolubili, la vitamina K si presenta in diverse forme e svolge ruoli critici nel corpo. Quando i coaguli di sangue attraversano una serie di passaggi, di cui sette dipendono dalla presenza di vitamina K, secondo il Linus Pauling Institute. La vitamina K è anche essenziale per le funzioni cellulari ed è necessaria per due proteine ​​che regolano il calcio, uno che stimola la mineralizzazione ossea e un altro che impedisce il calcio di accumularsi nelle arterie. Il corpo non conserva grandi quantità di vitamina K, quindi è necessario ottenere regolarmente la sua dieta. L’assunzione giornaliera raccomandata giornaliera per la vitamina K è di 90 a 130 mcg al giorno.

Vitamina K nel crauti

Una tazza di crauti drenati fornisce 18,5 mcg di vitamina K. Questo rappresenta il 23 per cento del valore giornaliero raccomandato, basato su una dieta di 2000 calorie al giorno. Una tazza di crauti mangiati senza drenare il liquido extra ha 135 mcg.

Altri benefici per la salute

Il crauti è una buona fonte di antiossidanti. Una tazza fornisce il 35 per cento del valore giornaliero della vitamina C, il 12 per cento del ferro e l’11 per cento del manganese. La vitamina C è un potente antiossidante che è anche necessario per il collagene, i vasi sanguigni ei neurotrasmettitori. Oltre al suo ruolo che trasporta ossigeno nel sangue, il ferro funziona come una cellula antiossidante che protegge le cellule dall’accumulo di perossido di idrogeno. Il manganese è un elemento di traccia che funge da principale enzima antiossidante nei mitocondri, contribuisce alla formazione del collagene e viene utilizzato nel metabolismo dei carboidrati, delle proteine ​​e del colesterolo.