Carote e avvelenamento alimentare

Quando si considerano le carote, probabilmente non si pensa alla sicurezza alimentare, ma le carote sono diventate un vettore di batteri e tossine a causa di errori di elaborazione e memorizzazione. Le carote crude e non tagliate coltivate in terreno pulito sono generalmente considerate sicure per il consumo, ma trasportando e pulendo in modo improprio le carote possono trasferire i batteri pericolosi alle carote. Quando vengono incastonati o imbottigliati in modo errato, possono consentire batteri e sviluppo tossico e possono causare gravi malattie.

Batteri e tossine

ServSafe afferma che gli agenti patogeni hanno bisogno di condizioni specifiche per la crescita di picco, tra cui un cibo contenente proteine, umidità, neutralità del pH, una temperatura superiore a 40 gradi, ma inferiore a 140 gradi, tempo e ossigeno. La maggior parte dei prodotti grezzi non è considerata potenzialmente pericolosa, ma i germogli, gli spinaci, i meloni tagliati a fette e i pomodori grezzi sono stati tutti esaminati per essere fonti di avvelenamento alimentare: in molti casi i prodotti stessi non erano le fonti, ma erano vettori per batteri Contaminanti dopo esposizione durante la manipolazione, la trasformazione o la spedizione. I batteri come Bacillus cereus, Listeria monocytogenes, Shiga toxina che producono Esherichia coli o E. coli, Clostridium botulinum, Salmonella e specie Shigella possono contaminare ogni volta prodotti freschi e conservati e causare una notevole malattia alimentare.

Casi di malattia alimentata da carota

Nel 2007, Shigella aveva contaminato le carote baby distribuite da Kroger Company e da Trader Joe; 039 # s. Un richiamo del prodotto è stato avviato dopo che i contaminanti sono stati scoperti in Canada. La legge di Pritzker riferisce che sono stati segnalati quattro casi riguardanti le malattie delle carote baby, ma non si sono verificati ricoveri o decessi dall’infezione. La fonte della contaminazione è ancora in fase di ricerca: nel 2005, i prodotti aerei viziati causavano una malattia alimentare tra diversi passeggeri. Il colpevole alimentare è stato identificato come carote prodotte in una fabbrica a Honolulu. Mentre la Food and Drug Administration non ha identificato la fabbrica come causa della contaminazione di Shigella, Fox News ha riferito che la fabbrica aveva fallito un esame di salute alimentare quattro mesi prima dello scoppio. “Secondo tale rapporto, la società, il portavoce 039 # s ha detto La fabbrica è stata pulita, il personale è stato riqualificato, la gestione è stata riorganizzata e personale addetto alla pulizia è stato assunto in risposta all’ispezione sanitaria, ma ha sostenuto che la fabbrica non era stata identificata come fonte. Fox News descrive una causa che accusa le condizioni di fabbrica non sanitarie per causare la contaminazione delle carote, ma non dà la conclusione.

Carote fresche

Bacillus cereus e Listeria monocytogenes sono due forme di batteri che crescono nel suolo e possono contaminare i prodotti se il terreno è contaminato. I germi possono essere uccisi quando il cibo viene cotto a temperature abbastanza elevate, pari a 140 gradi o superiori, spiega ServSafe. Il Bacillus cereus può produrre spore e tossine che possono contaminare i piatti cucinati quando un piatto contaminato attraversa contaminazioni di alimenti pronti per la cottura che non vengono cotti prima della cottura. Il ministero dell’agricoltura, dell’alimentazione e degli affari rurali dell’Ontario riferisce che E. coli Contamina le carote durante un certo passo nella lavorazione. Il rischio maggiore, afferma, è durante la movimentazione, il lavaggio, la classificazione e l’imballaggio delle carote. Oltre al rischio di trasformazione, il metodo di vendita delle carote può rappresentare un rischio per la contaminazione incrociata, poiché le carote vengono spesso vendute in vetri e possono essere contaminati accidentalmente da altri individui.

Prodotti in bottiglia, congelati o in scatola

Listeria monocytogenes cresce in ambienti umidi e umidi e colpisce le popolazioni vulnerabili come le donne in gravidanza e i bambini. Prodotti lattiero-caseari non pastorizzati e alimenti contaminati pronti all’uso sono i vettori comuni. I prodotti di frutta e verdura a basso contenuto acido non pastorizzato possono anche essere vettori e i prodotti di succo di carota sono inclusi in questo elenco, secondo la Food and Drug Administration. Secondo la Food and Drug Administration, il botulismo può essere fatale ed è considerato un’emergenza medica . La botulismo risulta dalle tossine botuliniche prodotte da Clostridium botulinum lasciate a crescere nei prodotti in scatola contaminata. Alcune forme dei batteri botulinici producono spore resistenti al calore che non possono essere distrutte dalla pastorizzazione di base. Inoltre, se i batteri o le tossine non vengono distrutte durante la lavorazione e se lasciate a temperatura ambiente, possono crescere e causare malattie botulistiche.

Prevenire l’avvelenamento alimentare

Per prevenire la malattia, assicurarsi di acquistare prodotti da un fornitore o da un distributore autorizzato e seguire le istruzioni di stoccaggio consigliate per la refrigerazione. Se acquisti cibo in scatola o in bottiglia, assicurati di acquistare solo da fornitori autorizzati, ServSafe raccomanda: seguire attentamente le istruzioni di conservazione per evitare la crescita dei batteri a casa e ricercare la ricetta prima di tentarlo. Se il prodotto sembra sospetto o è scaduto, non provare, scartare semplicemente il prodotto. Refrigerare i prodotti aperti e non lasciare i prodotti alimentari a temperatura ambiente.