Benefici e effetti collaterali dei funghi reishi

Il fungo reishi, noto anche come Ganoderma lucidum o lingzhi, è usato nella medicina tradizionale asiatica per trattare una grande varietà di condizioni sanitarie da cancro all’ipertensione. Questo fungo, che è diventato sempre più popolare a causa dei benefici sanitari riportati, è disponibile sotto forma di polvere, tè e integratore alimentare. Questo particolare fungo è ricco di composti chiamati triterpeni, che si credono per fornire i benefici per la salute. Alcuni effetti indesiderati sono stati documentati, in particolare in dosi elevate e con uso a lungo termine, perciò parlare con il medico prima di iniziare questo supplemento.

Benefici alla salute

Secondo il libro “Medicinali a base di erbe: aspetti bimolecolari e clinici”, sono stati studiati funghi reishi, con alcuni risultati interessanti, per i loro benefici per la salute, comprese le proprietà antiossidanti e miglioramenti dello zucchero nel sangue, della pressione sanguigna, dell’immunità e della salute del fegato. Anche i funghi Reishi sono stati studiati per la loro attività antitumorale. Un articolo del 2003 pubblicato in “Integrative Cancer Therapies” ha esaminato l’azione dei funghi reishi in polvere sulle cellule del seno e della prostata, concludendo che questo supplemento aveva un’attività anticancro, ma il preciso meccanismo d’azione non era chiaro. Tuttavia, gli studi sull’uomo sono limitati. La maggior parte di questi studi sono stati completati sugli animali. Inoltre, gli studi umani non contenevano una dimensione sufficiente per ottenere risultati forti ei risultati non erano coerenti con gli studi sugli animali.

Effetti collaterali

Una revisione di aprile 2012 pubblicata in “Giornale di Medicina Tradizionale e Complementare” ha dichiarato che non esistono effetti collaterali apparenti registrati con l’uso di funghi reishi. Tuttavia, uno studio pubblicato nel numero di luglio del 2008 di “Canadian Journal of Clinical Pharmacology” ha dimostrato che mentre l’uso di funghi G. lucidum o reishi nella terapia del cancro stimolava le cellule immunitarie, grandi dosi erano tossiche per queste stesse cellule immunitarie. L’Handbook sulla Sicurezza Botanica dell’American Products Herbal Products elenca un riepilogo delle reazioni avverse conosciute, come rare reazioni allergiche ai funghi. Secondo questa revisione, i funghi reishi sembrano ben tollerati, ma non ci sono dati molto sulla loro sicurezza a lungo termine, in quanto uno studio lega i sintomi potenziali di vertigini, bocca secca e disturbi addominali con 3-6 mesi di utilizzo continuo.

svantaggi

Gli integratori alimentari non sono regolati dall’Amministrazione alimentare e farmacologica statunitense. Ciò significa che le aziende di integratore non hanno bisogno di fornire la prova che un integratore contenente componenti attive o che i supplementi alimentari forniscono qualsiasi beneficio. L’articolo di “Terapie Cancer Integrative” ha indicato che alcuni integratori testati erano bassi nell’attività biologica e che i consumatori dovrebbero essere prudenti quando sceglie un supplemento. Inoltre, l’estratto di funghi reishi è spesso combinato con altri composti a base di erbe, rendendo difficile determinare quale ingrediente è responsabile di tutti i benefici noti.

Avvertenze e precauzioni

Consultare un medico prima di iniziare qualsiasi integratore di medicina alternativa. I funghi Reishi possono interagire con determinati farmaci, e per quelli che trattano il farmaco di assottigliamento di sangue, i funghi reishi possono aumentare il rischio di sanguinamento. I funghi Reishi hanno il potenziale di interferire con i farmaci chemioterapici del cancro. Le donne in gravidanza o allattamento devono parlare con un medico prima di assumere eventuali integratori. Non ci sono raccomandazioni specifiche sull’utilizzo di funghi reishi per scopi medicinali o per il trattamento di qualsiasi condizione. Sono necessari ulteriori studi umani di alta qualità per sapere se l’integrazione dei funghi reishi e a quale dosaggio è sicuro e benefico per la salute umana.